STRADA MANGIANDO
street food e non solo

La riapertura dei ristoranti vale 2,5 miliardi di euro per il settore del vino italiano

La riapertura di ristoranti, bar e agriturismi vale 2,5 miliardi per il vino italiano, il settore dell’agroalimentare Made in Italy più penalizzato dall’emergenza Covid, con la chiusura del canale della ristorazione che rappresenta il primo mercato di sbocco. È quanto emerge da una stima della Coldiretti diffusa in occasione dell’incontro on line ‘Il mercato del vino dopo un anno di pandemia’ promosso da Coldiretti e dal Comitato di supporto alle politiche del vino che traccia il bilancio degli effetti del Covid sul Vigneto Italia.Il via alla ripresa delle attività di ristoranti, bar e agriturismi, che riguarda un locale su due – sottolinea Coldiretti – ha un impatto rilevante dal punto di vista economico per il settore vitivinicolo poiché interessa soprattutto i prodotti a maggior valore aggiunto come i 526 vini a denominazioni di origine e indicazione geografica, che rappresentano il 70% della produzione nazionale e che sono stati proprio i più penalizzati dalla pandemia. A causa dei lockdown e delle misure di restrizione disposte dai vari Dpcm, dall’inizio della pandemia sono rimasti invenduti oltre 220 milioni di bottiglie, secondo un’analisi della Coldiretti. Il risultato è che più di 2 aziende vitivinicole su 3 hanno registrato una perdita di fatturato nel 2020, con punte superiori al 30% rispetto all’anno precedente, secondo le stime dell’associazione.

“Un crollo che non è stato compensato dall’aumento dei consumi domestici. Con la chiusura forzati di ristoranti, agriturismi e bar e il maggior tempo trascorso in cucina per la preparazione di pranzi, cene e apertivi, il vino e gli spumanti sono stati molto apprezzati durante i vari lockdown, con una crescita degli acquisti rispettivamente dell’8,3% e del 7,5% nel 2020 rispetto all’anno precedente, stando a un’analisi Coldiretti su dati Ismea. All’incremento delle vendite al supermercato si accompagna il vero e proprio boom registrato in quelle on line dell’e-commerce – continua Coldiretti – che sono più che raddoppiate nel 2020 (+105%), rispetto al 2019, sulla base di un’elaborazione Coldiretti su dati Wine Monitor Nomisma”.”Ma sul settore vitivinicolo rischia di pesare a partire dalla prossima vendemmia – rileva l’associazione – anche il crollo della produzione causato dal maltempo e dal gelo nei due principali paesi produttori, l’Italia e la Francia, con un calo generale stimato pari a 2,5 miliardi di litri. Le vigne Made in Italy da Nord a Sud della Penisola sono state duramente colpite dal freddo fuori stagione, con le gelate tardive che hanno compromesso almeno il 10% della produzione, secondo una prima ricognizione della Coldiretti. Addirittura peggiore la situazione in Francia dove forti gelate hanno danneggiato gravemente le gemme dei vigneti, e in alcune aree ridurranno addirittura del 90% la vendemmia, per un calo complessivo stimato tra il 30% e il 40% del totale”.